CHI SIAMO

Ciò che Vedo in Città è un movimento costituitosi nei primi anni del nuovo millennio nel pieno del boom dei social network.

L’obiettivo: è responsabilizzare il cittadino rendendolo partecipe e cosciente delle criticità che attanagliano il territorio in cui vive.

Lo strumento: è l’Urban Watching – l’osservazione finalizzata alla segnalazione del problema ed alla sua risoluzione, sensibilizzando l’opinione pubblica.

Ciò che Vedo in Città ha anticipato il fenomeno della “comunicazione dal basso: da molti a molti”, consentendo di informare e comunicare in maniera diretta, sfruttando la velocità di interazione di Internet e dei social network e la infinita mole di contenuti e segnalazioni che ognuno di noi può editare.

L’esperimento social ha incontrato, sin da subito, la partecipazione di tanti cittadini che, superando le barriere della rete virtuale, si sono impegnati per la costituzione di una rete reale che, ben presto, ha richiesto una veste giuridica, nonché una gestione organizzata.

È il punto di partenza dell’Associazione Ciò che Vedo in Città che, dal 2013, rivolge costantemente la propria attenzione alla Città di Santa Maria Capua Vetere, senza escludere il contesto circostante.

Ciò che Vedo in Città grazie all’impegno dei propri iscritti e all’aiuto di sostenitori privati che contribuiscono alla vita dell’Associazione, assume una connotazione concreta e tangibile, divenendo una formidabile espressione di cittadinanza attiva e affrontando tematiche sociali, ambientali e culturali, tese a favorire la crescita di una cultura solidale.

La nostra storia

2008

Nasce il gruppo “Scempi Casertani”

Con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche ambientali e civiche nell’ambito della provincia di Caserta.

2009

Nasce Ciò che vedo in Città

Mariagrazia MANNA, giornalista napoletana adottata a Caserta, dà vita al movimento di cittadinanza attiva e Urban Watching “Ciò che vedo in Città”.

2012

Nasce Ciò che Vedo In Città – SMCV

Donato TREPICCIONE ed Alessandra SANTILLO trasformano l’esperimento social in una realtà associativa autonoma, attiva nella Città di Santa Maria Capua Vetere; nasce

Ciò che Vedo In Città SMCV

2013

Iscrizione Albo

Ciò che Vedo in Città SMCV è iscritta, ai sensi dell’art. 31 dello Statuto dell’Ente Comunale, all’Albo delle libere associazioni della Città di Santa Maria Capua Vetere, giusta Deliberazione di Giunta Comunale n. 98 del 27 maggio 2013

2014

Ciò che vedo in Città diventa ONLUS

Ciò che Vedo in Città si evolve in Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale iscritta, ai sensi della L.R.11/2007, al Registro del Volontariato della Regione Campania con decreto n. 121; nasce Ciò che Vedo In Città ITALIA ONLUS

2020

Ciò che vedo in Città diventa OdV

Ciò che Vedo in Città si evolve in Organizzazione di Volontariato e diventa O.d.V. Ciò che vedo in Città – SMCV  effettuando le modifiche statutarie previste dalla cd. “Riforma del Terzo Settore” ai sensi del D.Lgs. 117 del 3 luglio 2017

ALCUNI DEI NOSTRI NUMERI

COME RACCOGLIAMO I FONDI

  • QUOTE SOCIALI
  • DONAZIONI
  • 5X1000

COME SPENDIAMO I FONDI

  • PROGETTI ED ATTIVITA'
  • RACCOLTE FONDI
  • COMUNICAZIONE
  • AMMINISTRAZIONE

COME INVESTIAMO NEI PROGETTI

  • DISABILITA'
  • TUTELA AMBIENTALE
  • CITTADINANZA ATTIVA
  • SOLIDARIETA'

STRUTTURA ORGANIZZATIVA

Tutte le cariche sono assunte su base volontaria, con mandato a tempo determinato, e sono gratuite (come stabilito dallo Statuto) fatto salvo il rimborso di eventuali spese sostenute e fiscalmente documentate.

L'ASSEMBLEA DEI SOCI

E’ costituita da tutti gli associati di Ciò che Vedo in Città e costituisce l’organo sovrano dell’Associazione. E’ responsabile dell’approvazione dello Statuto, del Bilancio e della definizione delle strategie.

IL PRESIDENTE

Il Presidente è eletto nel suo seno dal Consiglio Direttivo. Dirige e rappresenta l’Associazione presso le autorità e gli organi amministrativi e giurisdizionali di qualsiasi natura e grado. Ne è il legale rappresentante, dura in carica quattro anni ed è rieleggibile.

Donato Trepiccione è stato confermato Presidente per il quadriennio 2021/2025 a seguito delle elezioni associative tenutesi il 4 luglio 2021.

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo rappresenta l’organo “esecutivo” che ha il potere decisionale sulle iniziative e la politica associativa. Esso, tra le altre cose, si occupa di redigere il bilancio annuale e la relazione illustrativa al bilancio, nonché della corretta tenuta dei documenti dell’associazione, dei verbali d’assemblea, del libro soci. Il Consiglio Direttivo è composto da 7 soci consiglieri tra cui il Presidente, il Vice-Presidente, il Tesoriere e il Segretario.

L’attuale Consiglio Direttivo è stato eletto in data 04 luglio 2021 ed è così composto:

DONATO TREPICCIONE – Presidente

ANNA GIULIA VIGORITI – Vice-Presidente

PASQUALE PALMIERI – Segretario/Tesoriere

DOMENICO CONCATO – Consigliere

CLARA ARAN – Consigliere

GIUSEPPE BENINCASA – Consigliere

GIUSEPPE TREPICCIONE – Consigliere

IL COLLEGIO DEI PROBIVIRI

Il Collegio dei Probiviri è l´organo cui è demandata la funzione di controllare il rispetto delle norme statutarie, etiche e deontologiche da parte dei Soci e degli altri organi sociali, nonché di dirimere eventuali controversie che dovessero sorgere tra Soci ovvero tra Soci e organi sociali ovvero tra Soci e terzi, escluse quelle che per legge o per statuto competono ad altre entità giudicanti. Esso opera in piena indipendenza e risponde, per il tramite dei suoi componenti, esclusivamente all’Assemblea dei Soci.

L’attuale Collegio dei Probiviri è stato eletto in data 04 luglio 2021 ed è così composto:

MARINA MEROLA – Presidente

GAETANO TALENTE – Probiviro

GABRIELE TAVANO – Probiviro

Le Nostre Battaglie

Ecco cosa facciamo:

  • Solidarietà
  • Disabilità
  • Tutela Ambientale
  • Cittadinanza Attiva e Promozione Sociale
error: Content is protected !!