Scopri come sostenere
CIO CHE VEDO IN CITTA’

CON UNA DONAZIONE POTRAI SOSTENERE LA NOSTRA REALTA’, DARE LINFA AI NOSTRI PROGETTI E CONTRIBUIRE AL MIGLIORAMENTO DEL TERRITORIO.

BASTA POCO!

DONAZIONE

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €1,00

Numero di conto corrente : 001023941899
Instestazione Conto corrente: CIO’ CHE VEDO IN CITTA’ ITALIA ONLUS
Cordinate IBAN: IT56L0760114900001023941899

Le Cordinate IBAN sono cosi’ costituite:
PAESE: IT
CHD: 56
CIN: L
ABI: 07601
CAB: 14900
CONTO: 001023941899

Agevolazioni fiscali per i donatori

CIO CHE VEDO IN CITTA’  è una Organizzazione di Volontariato ai sensi del D.Lgs. 117 del 3 luglio 2017 e pertanto, tutte le donazioni effettuate in suo favore sono fiscalmente deducibili o detraibili secondo i limiti indicati dalla legge, purché siano effettuate attraverso mezzi di pagamento “tracciabili” come, ad esempio: bonifici bancari, versamenti in conto corrente postale, assegni circolari o bancari recanti la clausola “non trasferibile”, carte di credito, anche prepagate.

Il privato o l’impresa che effettua una donazione può decidere liberamente il trattamento fiscale di cui beneficiare. A seconda della normativa applicata alla donazione, le agevolazioni previste sono infatti differenti.

Benefici fiscali per le persone fisiche

Le agevolazioni fiscali per le donazioni delle persone fisiche sono di due tipologie. Le persone fisiche possono infatti scegliere se:

  • detrarre dall’imposta lorda l’importo il 30% dell’importo donato per un massimo di 30.000 euro di donazione (art. 83, comma 1 del D.Lgs. 3 luglio 2017, n. 117);
  • dedurre dal tuo reddito complessivo netto le donazioni in denaro per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (art. 83, comma 2 del D.Lgs. 3 luglio 2017, n. 117).

Se non sai qual è la soluzione più adatta a te, rivolgiti al tuo consulente di fiducia o al tuo CAF.

Ti ricordiamo che il CAF o il tuo commercialista potrebbero richiederti una certificazione che attesti l’ufficialità di tali donazioni, ovvero le matrici dei bollettini postali o le copie degli estratti conto bancari o della carta di credito. N.B. Le agevolazioni fiscali non sono cumulabili tra di loro. Le donazioni in contanti non rientrano in alcuna agevolazione.

Benefici fiscali per le aziende

Le agevolazioni fiscali per le donazioni delle aziende possono essere di diverso tipo. Le aziende possono dedurre l’importo donato senza limite assoluto ma entro il 10% del reddito complessivo dichiarato. Inoltre, sempre nel limite del 10%, nel caso in cui la deduzione superi il valore del reddito complessivo dichiarato al netto di altre deduzioni, la parte di deduzione non goduta può essere riportata nelle dichiarazioni successive, fino al quarto periodo d’imposta successivo (esempio, una donazione effettuata nel 2018 può essere scontata persino fino al 2023).

Per l’azienda donatrice, l’erogazione liberale segue il principio di cassa.

Quali agevolazioni sono previste per le quote sociali e le donazioni in contanti?

  • non sono deducibili né detraibili i versamenti effettuati come quote sociali
  • non sono deducibili o detraibili le donazioni non tracciate e effettuate in contanti (lo sono, invece, le donazioni effettuate per banca, posta o altro mezzo tracciabile).

VUOI EFFETTUARE UNA DONAZIONE DI BENI E MERCI?

Ecco cosa puoi donare:

prodotti alimentari, ancora rispondenti a requisiti di igiene e sicurezza, che possono essere rimasti invenduti per carenza di domanda, ritirati dalla vendita, rimanenze di attività promozionali, prossimi alla scadenza, esiti di errori di programmazione di produzioni, con difetti nell’imballaggio secondario;

medicinali inutilizzati ma idonei e dotati di autorizzazione AIC, non commercializzati per effetto di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi che non ne modificano l’idoneità;

gli articoli da medicazione non più commercializzati purché integri e in periodo di validità;

gli altri prodotti (cartoleria e cancelleria, libri e relativi supporti, prodotti tessili, prodotti per l’abbigliamento e per l’arredamento, giocattoli, materiali per l’edilizia, elettrodomestici, personal computer e tablet) non più commercializzati o non idonei alla commercializzazione per imperfezioni, alterazioni, danni o vizi o per motivi similari;

sono deducibili senza limiti ai fini delle imposte dirette (sono considerati destinazione non estranea all’esercizio dell’impresa, quindi il costo per il loro acquisto o la loro produzione è interamente deducibile).

Non realizzano alcun problema ai fini dell’Iva in quanto sono considerati distrutti ai fini della normativa.

Chi lo ha già fatto

Sono tante le aziende e i partner che negli anni hanno scelto CIO CHE VEDO IN CITTA’  all’interno del loro programma di Responsabilità Sociale.
È anche grazie a loro che ogni giorno possiamo realizzare i nostri progetti.

COLLABORANO CON NOI

error: Content is protected !!